Giovedì 24 Dicembre ’20, la Santa Messa sarà celebrata alle ore 20.00 nella chiesa di S. Pietro.
Brani della Messa nella notte di Natale:

Kyrie – Gloria – Sanctus – Agnus Dei   (Missa VIII – De Angelis)Kyriale pag. 36
Credo III Kyriale pag. 72
Communio –   Ecce nomen Domini EmmanuelCantus Selecti pag. 33
Finale –   Adeste fideles Cantus Selecti pag. 279

Natale 2020 – Messa nella notte

Belluno, chiesa di san Pietro, 24 dicembre 2020

Siamo davanti ad una cosa inimmaginata, ad un evento che nessuno al mondo avrebbe mai pensato: siamo davanti alla grotta di Betlemme, ove è nato il Signore. Neil Armstrong, astronauta americano, il primo a sbarcare sulla lune, ebbe a dire: “La cosa strabiliante non è che l’uomo sia arrivato a camminare sulla luna, ma che Dio sia sceso a camminare sulla terra”. In un piccolo bambino si è incarnato il Figlio di Dio. Papa Benedetto XVI disse in un’omelia natalizia: “Dio si è fatto bambino, una creatura che entra nel mondo piangendo, la cui prima voce è uno strillo che chiede aiuto, il cui primo gesto è rappresentato dalle mani tese in cerca di sicurezza. Dio è diventato un bambino”.

Noi adoriamo, in quel bambino, l’Amore, l’amore di Dio che si è fatto vicino. E’ bella la seguente simpatica composizione, pensata per i piccoli, ma parlante al cuore anche di noi adulti:

“Dio che ci attende dall’eternità – ha fatto un salto ed è giunto fin qua
A noi distratti e superficiali – ha preparato effetti speciali.

Chi tiene il mondo in una mano – ha chiesto ‘Permesso’ in un ventre umano:
l’Onnipotente dal cielo è disceso – in un piccino del tutto indifeso.

Colui che è bellezza e immensa gioia – ha scelto per culla una mangiatoia,
e ci ha mostrato la sua tenerezza – in una grotta, su paglia grezza.

Lui che trabocca d’amore perfetto – vuol mendicare il nostro affetto,
sfida l’odio e l’indifferenza – con il perdono e la pazienza.

Venuto al mondo in ‘sì ristrettezza – ha offerto se stesso, vera ricchezza;
ci ha dato il segreto della felicità – essere amati da Dio, nostro papà.”

Davvero il Natale ci parla d’amore, di un amore tenero e incondizionato. Baciando quel piccolo bambino noi baciamo l’Amore, e dall’Amore veniamo a nostra volta baciati. Non ci stancheremo in questi giorni del Tempo di Natale di contemplare il presepio, perché di sentirci amati potremmo forse stancarci? E non vorremo ricambiare l’amore? Come gli angeli volteggianti attorno alla grotta di Gesù, vorremo stare anche noi in sua compagnia.

don Giovanni Unterberger

24 Dicembre ’20 – Messa nella notte di Natale